Vinni a cantari nni sta cantunera – Canto del carrettiere Damiano ‘Meano’ Conigliaro (4/4) – audio

Data di realizzazione:

06/05/2009

Categoria progetto ARCA DEI SUONI:

Descrizione:

Canto del carrettiere palermitano ‘alivuzzaru’ (cioè proveniente dall’Olivuzza, quartiere di Palermo) Damiano Conigliaro, detto ‘Meano’. In questo brano, eseguito presso la sala di registrazione del CRICD, il carrettiere esprime ammirazione nei confronti di una donna, di una bellezza tale da potere essere incoronata regina e come tale salutata. Questo il testo del canto: Vinni a cantari (ma) nna sta cantunera (Ma) tri parmi arrassu di lu to scaluni (Ma) vitti na picciotta (ma) comu na bannera Ca cummigghia lu suli i stiddi er ?a luna (Ora) idda purtava (ma) li trizzi comu na Maddalena Ora idda chi cci manca pi essiri na reggina? (Ma) cci mancanu la parma e ?n testa na curuna (Ma) viri ca rintra a sta casa un s?adduma lume e mmancu lumera ca lu lustru fai tu ca si ?ncurunata (er) ave reggina [Sono venuto a cantare in quest?angolo di strada a tre palmi di distanza dalla tua scala Ho visto una ragazza come una bandiera Che copre il sole, le stelle e la luna Ella portava le trecce come una Maddalena Che cosa le manca per essere una regina? Le mancano la palma e sulla testa una corona In questa casa non si accende lampada né luce Perché luce fai tu che sei incoronata: Ave Regina!] Le espressioni fra parentesi tonde sono aggiunte per scopi eufonici o per favorire la respirazione durante la performance. Registrazione e editing audio di Edoardo Augello. Scheda a cura di Masi Ribaudo. Durata 4’02”.

Parole chiave ARCA DEI SUONI:

cantocarrettiereConigliaro

>