U cuntari (la misura del frumento) – audio

Data di realizzazione:

02/09/2005

Categoria progetto ARCA DEI SUONI:

Descrizione:

Materiali tratti dal volume Sortino. Suoni, voci e memorie della tradizione – CRICD, Palermo 2008, a cura di Sergio Bonanzinga, interamente scaricabile dalla sezione risorse di “Arca dei Suoni”, dopo avere effettuato la registrazione. Esecuzione del Sig. Paolo Birritta (A) e del Sig. Concetto Di Mauro (B). Rilevamento effettuato presso la sede della Casamuseo dell?Apicoltura Tradizionale. Testo: [A] Quannu u munzeddu dô ffrummentu era tuttu bbellu pulitu, passatu, cirnutu, avò a bbèniri a ddivisioni, e ss?aò a mmèntiri nnê sacchi. Allora nun c?era u pisu comu oggi, c?erano unità di capacità. Questa unità di capacità era u coppu. E allura, quattru coppi di chisti cca, era n-munnìu. Ddui munnii, faciva nu ddumunnìa, e significa quattru e qquatrru, sunnu ottu coppi. Ddu voti ddumunnìa era n-tùmmulu e n-saccu era quattru tùmmula. Pi mittillu nnê sacchi si inchiva u ddumunnìa e ssi cuntava: unu… e arrivava ottu ? a Mmaculata! ? e si arrivava a ddeci ? santa Suffìa! ? arrivava a diciannovi ? san Gisieppi! ? arrivava a bbinti e anzichè dire vinti, riciva san Mmastianu! Ogni nùmmiru si cci mittiva n-santu, a festa ? pi ddiri ? di ddu santu. Quannu arriva-va a bbinticinqu, anzichè riri vinticinqu, si riciva Natali arrivau! E ssi sapiva ca èrunu vinticinqu a stu tùmmulu. [A] Unu: Pippineddu! Ddui, tri, quattru: san Mmastianu i Miliddi! Cinqu, sei, setti, ottu: a Mmaculata! Novi, deci: santa Suffìa di Sciurtinu, è a mègghiu santa di tutti! [B] Ùnnici: san Mmartinu! Ddùrici, trìrici: santa Lucìa! Quartòrdici, chìnnici, ssìrici, diciassetti: sant?Antoni! Diciarottu, diciannovi: San Giuseppi! Vinti: san Mmastianu di innaru! Vintunu, vintirui, vintitrì, vintiquattru, Natali viniticinqu! Traduzione: [A] Quando il mucchio di frumento era ormai bello e pulito, ripulito e setacciato, si doveva fare la divisione e bisognava metterlo nei sacchi. Nei tempi andati non c?erano le misure di oggi. C?erano altre unità di capacità. Questa unità di capacità era il ?coppo?. E allora quattro ?coppi? come questi formavano un ?mondello?. Due ?mondelli? formavano un ?duemondelli?. E cioè quattro (coppi) più quattro (coppi) sono (uguali) a otto coppi. Due volte due mondelli corrispondevano a un ?tumolo?. E un sacco era pari a quattro ?tumoli?. Per versare (il frumento) nei sacchi si riempiva il ?duemondelli? e si contava: uno… fino a otto ? l?Immacolata! ? e si arrivava a dieci ? santa Sofia! ? arrivava a diciannove ? san Giuseppe! ? arriva a venti e diceva: san Sebastiano! A ogni numero si attribuiva un santo, cioè, il giorno della la festa di quel santo. Quando si arrivava a venticinque, invece di dire venticinque, si diceva: Natale è arrivato! E si sapeva che erano venticinque a questo ?tumolo?. [A] Uno: Peppinello! Due, tre, quattro: san Sebastiano di Melilli! Cinque, sei, sette, otto: l?Immacolata! Nove, dieci: santa Sofia di Sortino, che è la migliore di tutte le sante! [B] Undici: san Martino! Dodici, tredici: santa Lucia! Quattordici, quindici, sedici, diciassette: sant?Antonio! Diciotto, diciannove: san Giuseppe! Venti: san Sebastiano di gennaio! Ventuno, ventidue, ventitrè, ventiquattro, Natale venticinque! Durata: 2’05”

Parole chiave ARCA DEI SUONI:

Sortinocuntarifrumentu(SR)

>