Storia di Santa Sofia – audio

Data di realizzazione:

25/11/2000

Categoria progetto ARCA DEI SUONI:

Descrizione:

Materiali tratti dal volume Sortino. Suoni, voci e memorie della tradizione – CRICD, Palermo 2008, a cura di Sergio Bonanzinga, interamente scaricabile dalla sezione risorse di “Arca dei Suoni”, dopo avere effettuato la registrazione. Racconto riportato dalla Sig.ra Pina Garofalo presso abitazione privata in paese. Testo: Santa Suffìa ssâ mmaritari. Nun si ulennu maritari, ca sa patri ppi forza ci riciva ca ssâ mmaritari. Itra nun si ulìa maritari picchì si sentiva ca era santa. «No, ? rici ? papà iu nun mi pozzu maritari». E allura scappau! Di Costanzonobbile vinni santa Suffìa e si nni vinni a ttèniri càia, a Sortino, a Pantalica. A Pantalica si nascondeva. Si nascondeva ddrocu, nnâ grotta, ca c?è nnâ chiesa e cci à gghiutu i suddati: i suddati â ssicutàunu. Nnô ssicutalla i suddati, era stanca, santa Suffìa si ittau per terra. Commu sê gghittau per terra, santa Suffìa, vicinu pròpriu ô puzzu. Cci rissi, ncuntrau poi a mpàiu i pastori, santa Suffìa: «Se qualcunu ? rici ? chi chiede di me, ricìtici ca nun m?ata vistu». A u primu pastori. U sacunnu pastori, arreri: «Ricìtici ca nun m?ata vistu». Ammentri u primmu visti i suddati, e i suddati rici: «Avete visto ? rici ? una bbuona donna?» U primmu ci rissi: «No, nessuno è passato di qua!» U sacunnu pastori pìgghia e ci rissi ca l?ào vistu: tutti?i pecuri cci fici mòriri. E ffici u primmu miràculu: cci fici mòriri tutti i pecuri. A cchitru cci fici aumentari, a cchitru ca nun ào parratu, a cchitru cci fici mòriri sti pecuri. Ammentri â ncàgghiau i suddati, na uota ca cci?u rissi ca cc?era chitra ddà, ammucciata nnâ chiesa, propria vicinu dô puzzu. «Se sei veramente santa ? rici ? devi fare il primo miracolo, ? ci rìssunu i suddati ? ma si nno, nnuautri, nnâ ddittu to patri ca t?am?ammazzari. Abbiamo ? rici ? sete, nni dai da bbèvere?». E rici: «Aspettate cinque minuti». Ss?â ttagghiatu na trizza, à bbuttatu per terra, e mmentri santa Suffìa à ffattu sciri u puzzu. E ss?ànnu misu a bbìviri i suddati e nun l?ànn?ammazzatu. Rici: «Allò puoi andare, buona donna. Già hai fatto il miracolo». E si nn?àvu iutu. Nô irisinni, à ncagghiatu cô cavatru: sopra il cavallo cc?era u patri, e à ncagghiatu a santa Suffìa. Commu â ncagghiatu, à ttiratu a lància e cciâ tagghiatu u cotru. Nnô tagghiàrici u cotru, sâ lliccatu a lància, â siciliana: sâ lliccatu a lància. Commu à lliccatu a lància, cciâ sciutu latti e mmeli. Rici: «Me fìgghia santa iè! ? rici ? e allò a pòscio lassari». E ssâ purtanu nnâ chiesa e cci fìcinu a chiesa. Però u puzzu à statu fattu picchì santa Suffìa à tiratu a trizza n-terra e à ddato da bbèvere ai soldati. Tutto qua! Traduzione: Santa Sofia doveva sposarsi. Non si voleva sposare, suo padre invece le diceva che si doveva sposare per forza, lei non si voleva sposare perché aveva capito che era santa. «No, ? disse ? papà io non mi posso sposare». E quindi scappò. Da Costantinopoli è venuta santa Sofia, e arrivò qui a Sortino, a Pantalica. Si nascondeva a Pantalica. Si nascondeva lì, nella grotta, infatti c?è una chiesa. E lì sono andati i soldati. I soldati la inseguivano. Durante l?inseguimento dei soldati, santa Sofia, stanca com?era, cadde sfinita, proprio vicino al pozzo. Incontrò poi due pastori. A un pastore disse: «Se qualcuno chiede di me, ditegli che non mi avete visto», al primo pastore. Al secondo pastore, di nuovo: «Ditegli che non mi avete visto». Intanto il primo, subito, si imbattè nei soldati. E i soldati: «Avete visto una bella donna?». Il primo rispose: «No, nessuno è passato di qua». Il secondo pastore invece disse che l?aveva vista: [santa Sofia] gli fece morire tutte le pecore. E questo fu il primo miracolo: gli fece morire tutte le pecore. Al primo, a quello cioè che non aveva parlato, gliele moltiplicò, all?altro gli fece morire le pecore. Nel frattempo la trovano i soldati, dato che [il pastore] aveva rivelato che era nascosta in chiesa, proprio vicino al pozzo. «Se sei veramente santa, devi fare il primo miracolo, ? le dissero i soldati ? altrimenti ci ha ordinato tuo padre che dobbiamo ucciderti. Abbiamo sete, ci dai da bere?» Santa Sofia rispose: «Aspettate cinque minuti». Si tagliò una treccia, la buttò a terra, e così santa Sofia fece nascere il pozzo. I soldati si apprestarono a bere e non la ammazzarono. Dissero: «Te ne puoi andare dunque, buona donna. Già hai fatto il miracolo». E lei se ne andò. Nell?andare via si imbatte in un cavallo: sul cavallo c?era il padre e trova santa Sofia. Appena la vide, le scagliò contro la lancia, tagliandole il collo. Mentre le tagliava il collo, lui leccava la lancia, alla siciliana: ha leccato la lancia. Appena ha leccato la lancia, sgorgano latte e miele. Disse [il padre]: «Mia figlia è santa, quindi la posso rilasciare. E la portarono sul luogo dove poi fecero la chiesa. Però il pozzo esiste perché santa Sofia aveva gettato la treccia a terra e dato da bere ai soldati. Tutto qua! Durata: 2’18”

Parole chiave ARCA DEI SUONI:

RaccontoStoriaSortinoSantaSofia(SR)

>