Richiami e sonorità pastorali – audio

Data di realizzazione:

18/12/2000

Categoria progetto ARCA DEI SUONI:

Descrizione:

Materiali tratti dal volume Sortino. Suoni, voci e memorie della tradizione – CRICD, Palermo 2008, a cura di Sergio Bonanzinga, interamente scaricabile dalla sezione risorse di “Arca dei Suoni”, dopo avere effettuato la registrazione. Esecuzione del Sig. Michele Fontana. Rilevamento effettuato in contrada Prita. Testo del commento: [SONORITÀ RIPRESE DURANTE L?USCITA DELLA MANDRIA DAL RECINTO] Chisti sù tutti i campani ca mi vinnìu a bbonarma di me cumpari Paulu Carpinteri. Esattamente! Ci sunnu i muligni, i campanotti, ci sù i schigghiotti, tutti, tutti! A campana masculina iàvi cchiù, n-pocu cchiù tonu r?accuddi, cciù nnormali. A campana fimminina è npocu cchiù schigghienti. I muligni sunnu cchiù schigghienti ancora, cchiù belli: cchiù schigghenti ancora di sunari e ssono cchiù bbelli! A viri sta muligna ccàia? Bbella sta muligna: à vistu sta sunannu [SUONO], à vistu? A muligna è cchiù lleganti, cchiù bbella, cchiù schigghenti, cchiù bbella, và! A campana è fatta di lanna, a muligna è fatta di bbronzu. Il giorno di Pasqua ci mittiumu i campani: ah picchì cci aviva ebba assai, ebba bbona, e allò ppi diri, c?era di tannu la usanza ca l?ebba â manciàunu i pecuri bboni, ci mittiunu i campani. Tannu i chiamàumu [gli animali]: [FISCHIO] A ttè ccà! [FISCHIO] A ttè ccà! [FISCHIO] Si àiu a cchiamari Marcellu e Mmarcellu non senti, iù cci friscu, no? [FISCHIO] Traduzione: Queste sono tutte le campane che mi ha venduto la buonanima di mio compare Paolo Carpinteri. Esattamente! Ci sono i muligni, i campanotti, ci sono i schigghiotti, tutti, tutti! La campana ?maschile? ha un tono più, così, ?normale?. La campana ?femminile? è più squillante. I muligni sono ancora più squillanti, più belli, più squillante nel suono e più belli. La vedi questa muligna qui? Bella questa muligna: hai visto, sta suonando, la vedi? La muligna è più elegante, più bella, più squillante, più bella insomma! La campana è fatta di lamiera, la muligna è di bronzo. Il giorno di Pasqua mettevamo le campane [agli animali]: siccome c?era molta erba, erba buona, allora c?era usanza che l?erba buona la si faceva mangiare alle pecore, e allora si mettevano le campane. Allora si chiamavamo così: A ttè ccà! Se devo chiamare Marcello e Marcello non sente, allora io gli fischio, no? Durata: 3’34”.

Parole chiave ARCA DEI SUONI:

campaneSortinoRichiamisonoritàpastoralifischi

>