La canzone siciliana a Palermo – Sti silenzii sta virdura – audio 4/19

Data di realizzazione:

30/05/2016

Categoria progetto ARCA DEI SUONI:

Descrizione:

La canzone siciliana a Palermo: un?identità perduta (con allegati)   Bernardo Geraci Sti silenzii sta virdura ed. F. Salafia, Palermo [dopo il 1860] Versi di Giovanni Meli   O bedda Nici, scuma di zuccaru, E chi ti fici  Ca un m?ami cchiù? Nun c?è jurnata  Ca un si ?ncagnata, Chi sorti retica  La mia chi fù! Pri quantu aduru  Ss?ucchiuzzi amabili,  Bedda, ti juru  Chi un pozzu cchiù! Si tu un ti muti,  Si tu ?un m?ajuti,  Iu moru e causa  Nni sarai tu. Scarica il volume    Fabio Ciulla, pianoforte Patrizia Gentile, soprano 13, 17 Claudia Munda, soprano 1, 5, 6, 11, 12, 14, 18 Rosalia Lo Coco, mezzosoprano 2-4, 7-11, 15, 16, 19 con la partecipazione di Massimo Privitera e Maurizio Palamara 15   1-7, 9, 11: Registrazioni dal vivo a cura di Angelo Buccafusca Palermo, 5 dicembre 2015 da Li soni e canti armuniusi e grati, concerto in occasione del convegno di studi Giovanni Meli, 200 anni dopo – Poesia, Scienza, Luoghi, Tradizione)   8, 10, 12-14, 16-19: Registrazioni dal vivo a cura di Angelo Buccafusca Palermo, 12 e 20 dicembre 2015   15: Registrazione dal vivo a cura di Andrea Ardizzone Palermo, 12 dicembre 2010 da In simposio con Cupido, conferenza-concerto per la Fondazione Salvare Palermo    

Parole chiave ARCA DEI SUONI:

Palermocanzonemusica