E bbiri chi chiantu chi ffa sta donna cattiva – Canto del carrettiere Damiano ‘Meano’ Conigliaro (3/4) – audio

Data di realizzazione:

06/05/2009

Categoria progetto ARCA DEI SUONI:

Descrizione:

Canto del carrettiere palermitano ‘alivuzzaru’ (cioè proveniente dall’Olivuzza, quartiere di Palermo) Damiano Conigliaro, detto ‘Meano’. In questo brano, eseguito presso la sala di registrazione del CRICD, il carrettiere esprime biasimo nei confronti di una vedova che vorrebbe sostituire il marito morto facendosi prestare il marito dalla vicina. Questo il testo del canto: “E bbiri chi cchiantu (e na) chi ffa (ni) sta donna cattiva Ca idda c?havi u maritu mortu e pensa a lu vivu Un ghiornu idda si nni va nellu so vicinu (Ma) Ricennucci cummari mia s?iddu mi pristati (er?) a bbostru maritu Cummari mia vi pari ca è (ni) ?a farina ca si cerne e s?impasta O pure u pani ca si runa e si mpresta? Cummari mia livativillu veru stu purce ri ?n testa Ca viditi ca lu maritu è chiddu miu e mancu mi bbasta Cummari mia livativillu stu purce ri ?n testa Ca lu maritu è chiddu miu ma mancu mi bbasta” [Guarda come piange questa donna cattiva Che ha il marito morto e pensa al vivo Un giorno se ne va dal suo vicino Dicendo, comare mia, mi prestate vostro marito? Comare mia vi sembra che sia farina che si cerne e si impasta Oppure pane che si dà e si presta? Comare mia, toglietevela completamente questa pulce dalla testa Perché guardate che il marito è il mio e nemmeno mi basta Comare mia, toglietevela questa pulce dalla testa Che il marito è il mio ma nemmeno mi basta] Le espressioni fra parentesi tonde sono aggiunte per scopi eufonici o per favorire la respirazione durante la performance. Registrazione e editing audio di Edoardo Augello. Scheda a cura di Masi Ribaudo. Durata 4’10”.

Parole chiave ARCA DEI SUONI:

cantocarrettiereConigliaro

>